"Archivio04" - 15/02/2005

Il libro che vi proponiamo e che vi invitiamo a “gustare” in tutte le sue 516 pagine è “Calvello il bastardo” di Luigi Natoli (Flaccovio Editore – Palermo).

Già autore de “I Beati Paoli” e di “Coriolano della Floresta”, il Natoli ci porta nella Palermo di fine ‘700, raccontandoci, attraverso le avventure del suo personaggio (Corrado), sergente delle reali armi, il ristagno della grigia società borbonica.

Coinvolgente nella meticolosa descrizione di luoghi e di eventi storici, l'autore procede nel susseguirsi di avventure, amori, gioie e delusioni di un figlio del popolo che scopre le sue nobili origini.

Il tutto in un mondo che, seppure distante, risente degli influssi e delle idee della Rivoluzione Francese.

Anche se non avete ancora letto “I Beati Paoli” e “Coriolano della Floresta”, potrete, senz'altro, godervi la piacevole lettura di “Calvello il bastardo”.

(di Attilio...) 03/02/2005