"Archivio 63" - Gennaio 2011

 

 

 

Un po’ di noi

in ogni zolla d’erba,

negli ottantamila,

nell’Inno di Dallan.

 

Un po’ di Ennio,

di Alfredo, di Arturo.

 

Un po’ di Mimmo,

di Carmelo, di Ciccio.

 

Un po’ di Antonio,

di Vittorio, di Alessandro.

 

Un po’ di me

e dei miei figli.

 

Ma anche un po’ di nuovo,

di Dario, di Ruben.

 

Un po’ del “Polifemo”,

dell’ “Arsenale”, del “Fussazzo”.

 

Un po’ dei nostri cuori,

di torte di Concetta al Terzo Tempo,

dei nostri legamenti,

di cicatrici portate con orgoglio.







(di Attilio.. dicembre 2009)